Corso di laurea magistrale in Interpretariato

L’accesso al corso di laurea magistrale in interpretariato di conferenza è subordinato al superamento di un esame di ammissione orale che ha luogo ogni anno a luglio. Nel corso di 4 semestri i laureandi acquisiscono le competenze specifiche della figura professionale dell’interprete di conferenza.

È possibile scegliere l’italiano o il tedesco come lingua madre (lingua A). I laureandi con il tedesco come lingua A possono studiare l’italiano come prima (lingua B) o seconda lingua straniera (lingua C). Con l’italiano come lingua B è possibile l’interpretazione in entrambe le direzioni linguistiche, ovvero dal tedesco verso l‘italiano e dall’italiano verso il tedesco. Con l’italiano come lingua C invece l’interpretazione è possibile solo dall’italiano verso il tedesco.I laureandi con l’italiano come lingua A scelgono il tedesco come prima e l’inglese come seconda lingua straniera.

Articolato in 4 semestri, il corso di laurea prevede insegnamenti trasversali finalizzati all’acquisizione di competenze specifiche nelle discipline teoria dell’interpretariato e tecnica di presa degli appunti nonché di conoscenze tecnico-pragmatiche relative alla prassi dell’interpretariato.  

La padronanza delle tecniche di interpretazione simultanea e consecutiva si acquisisce invece nel corso di esercitazioni tenute dai docenti della sezione di italiano nelle diverse combinazioni linguistiche. Inizialmente gli studenti vengono confrontati con testi brevi e semplici che permettono loro di apprendere analisi testuale e resa nella lingua d’arrivo. Grado di difficoltà e lunghezza del testo vengono progressivamente incrementati fino a che i laureandi siano in grado di affrontare 10 minuti di resa in consecutiva e 20 minuti di resa in simultanea.

Dopo il primo semestre ha luogo un esame orale a carattere orientativo che i laureandi devono invece necessariamente superare al termine del secondo semestre. A conclusione del quarto semestre ha luogo l’esame di laurea.